Io sono una missione

Io sono una missione

Roma, 28 dicembre 2017 – La Madre generale delle Figlie di Maria Ausiliatrice, Madre Yvonne Reungoat, il 28 dicembre 2018 ha annunciato alla Comunità di Casa generalizia e al mondo, la destinazione delle tredici Neo-missionarie. A conclusione del processo di discernimento, la Madre ha incontrato le Neo-missionarie per dialogare e comunicare il nome dell’Ispettoria alla quale ciascuna è stata destinata. La Consigliera dell’Ambito per le Missioni suor Alaide Deretti e le Collaboratrici, hanno accompagnato il cammino di discernimento e di formazione delle Neo-missionarie, riconoscente alle Ispettorie che le hanno inviato e con la consapevolezza che l'Istituto è nato missionario.

In questo tempo, sia la Chiesa sia l’Istituto, respirano una nuova aria missionaria. Papa Francesco afferma: «Facciamo missione ispirandoci a Maria, Madre dell’evangelizzazione. Ella, mossa dallo Spirito, accolse il Verbo della vita nella profondità della sua umile fede. Ci aiuti la Vergine a dire il nostro “sì” nell’urgenza di far risuonare la Buona Notizia di Gesù nel nostro tempo». «Parole per noi particolarmente impegnative, dal momento che la missionarietà è dimensione essenziale della vocazione salesiana (cf C 75), – scrive Madre Yvonne Reungoat. Don Bosco, infatti, fondando il nostro Istituto, gli ha impresso un forte impulso missionario (C 1) e, quindi, siamo invitate oggi a «mantenere vivo lo slancio missionario delle origini» (C 6). Impulso e slancio sono sostantivi pregnanti e significativi; dicono movimento, cammino, stile pellegrinante ed essenziale, libero da tutto ciò che attarda la corsa della Parola di salvezza. Sono energia interiore, forza spirituale che spinge all’annuncio con la tipica parresia che caratterizza coloro che si lasciano guidare dallo Spirito Santo» (Circ. 972).

Di seguito il nome, l'Ispettoria d'origine e la destinazione delle 13 Neo-missionarie provenienti da 12 Ispettorie di 4 Continenti:

Nome

Ispettoria di PROVENIENZA

DESTINAZIONE

Sr. Aruldoss Angelina

INM

AES

Sr. Bareh Eugenia

INS

IPI

Sr. Bui thi Vu Ngoc Linh Teresa

VTN

Roma

Sr. Mascarenhas Rita Joaquina

INB

IPI – Porta Palazzo

Sr. Merel Virginie

FRB

Tunisia

Sr. Ocarol Maria Concepcion

FIL

SPR – Isole Salomone

Sr. Pak Hyun Ju Cecilia

KOR

SEC

Sr. Sá Cláudia Soraya

BMA

ANT - Cuba

Sr. Salvador María del Pilar

SPA

ABB

Sr. Sutnga Catherine

INS

ANG

Sr. Vargas Diazgranados Cristina

CMM

AFO

Sr. Vásquez Figueroa Lucía Isabel

CAM

SLK – Baku

Sr. Velasco María Imelda

MME

BCB – Cuiabá

Durante la Buonanotte del 28 dicembre 2018, la Madre ha incontrato le sorelle di Casa generalizia a Roma e ha comunicato la destinazione delle tredici Neo-missionarie, ringraziando le sorelle dell’Ambito per le Missioni per l’accompagnamento e la cura e la comunità di Casa generalizia per l’accoglienza, la preghiera, l'accompagnamento nella vita fraterna, nell’aprire il cuore all’universalità, alla vita nuova e nell’impegno a portare il lieto annuncio della buona notizia. Ha poi sottolineato come “l’obbedienza missionaria è accogliere il progetto di Dio sulla propria vita attraverso le sue mediazioni. Fare la volontà di Dio è sempre qualcosa di misterioso perché la risposta all’amore è sorprendente e creativo ed è un impegno quotidiano a cui dobbiamo rispondere con gioia”.

Suor Alaide Deretti, ha successivamente raggiunto con una lettera le Ispettrici delle Ispettorie di origine e di destinazione delle Neo-missionarie. Ha ringraziato il SÌ generoso con cui hanno dato a queste sorelle la possibilità di rispondere alla vocazione missionaria ad gentes e ha assicurato che da questo gesto concreto, segno di uno sguardo allargato (CG23), la Madre può fare alle Ispettorie indicate il regalo di una Neo-missionaria. Dall’impegno di ogni Ispettoria e dalla fecondità della presenza e della testimonianza personale e comunitaria risulterà una bella fioritura vocazionale.

A tutte le Ispettorie, la Consigliera ha rivolto l'augurio di un fecondo cammino e ha ringraziato per la passione missionaria di tutte le FMA ricordando quanto ci chiede il CG XXIII: «In uscita, come i discepoli di Emmaus, rinsaldati nella fede e nella speranza, andiamo con coraggio e gioia verso le periferie giovanili che hanno bisogno della luce del Vangelo» (Atti, 62).

Le Neo-missionarie continueranno il loro percorso formativo fino al mese di giugno, frequentando alcuni corsi formativi presso la Pontificia Università Urbaniana, partecipando a incontri presso la Casa di Spiritualità Madre Ersilia Canta e in Casa generalizia, realizzando esperienze apostoliche nei diversi luoghi della missione.

Della stessa categoria puoi leggere ancora...

Free Joomla templates by Ltheme