• IL PUNTO sulla comunicazione
  • Messaggio del Rettor Maggiore ai giovani del MGS

    Messaggio del Rettor Maggiore al MGS

  • La festa di Don Bosco a Parma: Ciofs FP e scuola dell’Infanzia

    Don Bosco a Parma

  • Per i bambini e le bambine di Berceto è nato un nido

    Il nido di Berceto

  • 27ma Giornata della Vita consacrata: sorelle e fratelli per la missione!

    Vita consacrata

  • Festa di don Bosco a Correggio

    Don Bosco a Correggio

  • Ogni scusa è buona per far festa

    I 95 anni di sr Roberta

  • Il regalo che più desiderate

    Don Bosco a Livorno

  • Festa di Don Bosco a Cento

    Don Bosco a Cento

  • https://www.fmails.it/index.php?option=com_content&view=article&id=2744:festa-di-don-bosco-a-lugagnano&catid=11&Itemid=124

    Don Bosco a Lugagnano

  • Vedrai miracoli!

    Vedrai miracoli

IL PUNTO sulla comunicazione

Articoli periodici per fare “il punto” su alcuni eventi realizzati o i passaggi di alcuni cammini avviati. Un appuntamento utile (speriamo) per tenere il passo e non perdere i pezzi dei processi in atto. Cominciamo con la Comunicazione Ispettoriale.

Custodi del Giardino

Il 18 febbraio 2023, dalle ore 9 alle 12:30, in presenza nell’Aula Magna Giovanni Paolo II della Pontificia Facoltà di Scienze dell’Educazione “Auxilium” di Roma, e in diretta streaming – si terrà il secondo incontro del progetto di formazione ecologica “Custodi del Giardino”, organizzato dal Circolo Laudato Si’ della Facoltà e dalla rivista e Associazione di promozione sociale “Terra e Missione”.

Educare per affrontare sfide inedite

Il termine post-umano segna la linea di confine tra ciò che è umano e ciò che umano, per natura, non è. Nel regno del post-umano alla biologia si sovrappone la tecnologia. Già oggi la persona umana ospita microchip, bypass, protesi, congegni, impianti. Stiamo entrando in un mondo umanoide, dove le persone diventano sempre più artificiali e i robot assumono sempre più spesso sembianze umane.

Combattere lo scetticismo con l’educazione

È necessario ritrovare e ravvivare la speranza perché il cambiamento è possibile. Tante volte nella storia l’umanità si è trovata sopraffatta da situazioni drammatiche ma il bene, attraverso le persone, trova strade spesso imprevedibili per aprire sentieri anche in terre estremamente aride.

Alziamoci e andiamo in fretta

Caro amico, gentile amica, come il numero della rivista, anche questa Newsletter è praticamente monotematica, sulla GMG, essendo essa un evento culturale, sociale e pastorale davvero significativa, che questa volta arriva anche con un senso di "liberazione", dopo gli ahimé troppo noti eventi vissuti e sofferti. È tempo dunque di preparazione: vari mesi di avvicinamento, quasi un itinerario nello spirito di Maria, come sollecita il Papa.

Alcune risposte pratiche

CHE FARE DI FRONTE AL CAMBIAMENTO? Finisce qui il nostro percorso sul cambiamento. Abbiamo fatto tre passi insieme: nel primo abbiamo visto che noi siamo cambiamento anche se facciamo fatica a cambiare; nel secondo abbiamo visto come questo ci obbliga a vivere l’ascolto come dimensione necessaria e fondativa; nel terzo che tutto questo porta alle soglie della decisione e dello stile progettuale. Alla provo rispondere alle domande sorte.

Il progettare come risposta decisa

Ora affrontiamo il passo fondativo del cambiamento vissuto come azione personale vera, perché decidere di cambiare è difficile, proprio perché la parte complessa è proprio la decisione. Eppure è la parte fondamentale. Ogni ascolto vero, infatti, richiede una decisione. Dai semplici feedback che diamo nell’ascolto attivo, alla decisione che prendiamo sulle nostre idee, sulle nostre azioni dopo aver ascoltato un altro punto di vista.

Dal cambiamento all’ascolto

Ascoltare è più che sentire. Quando ascolti l’attenzione è maggiore. Se qualcuno ci dice “Ascolta”, il più delle volte è perché vuole un cambiamento, vuole che qualcosa venga fatto da noi. Passiamo dal linguaggio informativo (vengo a sapere delle cose) al linguaggio performativo (mi viene chiesto di fare qualche cosa). Ci viene richiesto di fermarci.

Che cos’è il cambiamento?

Da un’esperienza nasce una nuova serie di articoli quanto mai importante: il cambiamento e la formazione, perché noi siamo e facciamo cambiamento. “Non sempre cambiare equivale a migliorare, ma per migliorare bisogna cambiare” (W. Churcill). Trovo la frase di Churcill illuminante, per trovare un equilibrio tra la necessità del cambiamento e l’evitare la moda del cambiamento fine a se stesso.

Free Joomla templates by Ltheme