Festival della missione 2022

Festival della missione 2022

Il Festival della Missione 2022 (FdM) si svolge ancora nei “solchi” scavati dalla pandemia COVID-19. Consapevoli della complessità del tempo che stiamo vivendo, crediamo sia maturo il momento per seminare quell’«immaginazione creativa» e quell’«audacia missionaria» tante volte evocata da papa Francesco: «Questo è il tempo propizio per trovare il coraggio di una nuova immaginazione del possibile, con il realismo che solo il Vangelo ci può offrire».

Milano, 29 settembre-2 ottobre 2022 – Storie di missione condivise: l'occasione degli aperitivi missionari – Dall'inizio del Festival della Missione, da giovedì 29 settembre, a domenica 2 ottobre in vari angoli della città di Milano, come Chiostro Bistrot del Museo Diocesano, Centro Pime o bar e bistrot del centro aderenti all'iniziativa, si tengono alle ore 18,00 gli aperitivi missionari (scopri la lista dei locali aderenti e dei testimoni).

Abbiamo avuto la possibilità e il dono di ascoltare storie bellissime di missione e di condividere la passione per la vita, per la lotta contro le ingiustizie e per la pace. Nel Chiostro Bistrot del Museo Diocesano abbiamo ascoltato Gianni Criveller, don Maurizio Cacciola, suor Annicette Lantonkpode, suor Thandar Maung, suor Marinella Pallonetto con Francesca Benvenuto, Maria Di Mauro, Colacicca Piercarla, Berta Calderon Rodriguez, Sebastiano D’Ambra e Padre Giuseppe Cisco.

Storie che hanno come filo conduttore l’andare verso gli altri, il fermarsi tra la gente, l’amore per vite ferite, strappate, fragili, impoverite. Quando si ascoltano queste storie che hanno quasi a che fare con l’amore incondizionato, la prima cosa che salta all’occhio è la luce che i missionari e le missionarie hanno negli occhi. Una luce che è difficile raccontare o descrivere. Una luce che, nonostante le ingiustizie, le lotte, le difficoltà, le fatiche che si possono vivere, continua a splendere.

Si è parlato di tratta, di coltan, di dittatura, oratori di strada, povertà, diritti umani, libertà e democrazia, di buona notizia portata lì dove la gente è. C’è stato un confronto attivo e tantissima partecipazione e tra uno spritz e uno stuzzichino ci siamo ritrovati ad essere amici e a condividere le stesse idee di libertà e a sperare tutte e tutti in un mondo migliore, con il desiderio di cambiarlo davvero!

In due ore abbiamo viaggiato tra il Congo e la Cina, passando per l’Italia tra Genova, Scampia, Taranto… e rinnoviamo l’invito a seguire gli aperitivi missionari, perché sono davvero un’occasione d’incontro, di condivisione di bellezza e di Libertà, che è davvero partecipazione, come ci ricordava un grande Giorgio Gaber.

Da https://www.festivaldellamissione.it/

Vedi anche https://www.youtube.com/watch?v=CjPtBugGgjo

Della stessa categoria puoi leggere ancora...

Free Joomla templates by Ltheme