10° Incontro Mondiale delle Famiglie – Il programma

10° Incontro Mondiale delle Famiglie – Il programma

“Nel quinto anniversario dell’Esortazione apostolica Amoris Laetitia e a tre anni dalla promulgazione di Gaudete et exsultate – si legge nel comunicato del Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita – esso intende far risaltare l’amore familiare come vocazione e via di santità, per comprendere e condividere il senso profondo e salvifico delle relazioni familiari nella vita quotidiana”.

Roma, 23 giugno 2022 – Con il programma e i temi seguono ha avuto inizio 10° Incontro Mondiale delle Famiglie “L’amore familiare: vocazione e via di santità”. L’incontro mondiale è organizzato e ospitato dalla Diocesi di Roma, e si tiene a Roma dal 22 al 26 giugno 2022.

“Nel quinto anniversario dell’Esortazione apostolica Amoris Laetitia e a tre anni dalla promulgazione di Gaudete et exsultate – si legge nel comunicato del Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita – esso intende far risaltare l’amore familiare come vocazione e via di santità, per comprendere e condividere il senso profondo e salvifico delle relazioni familiari nella vita quotidiana”.

L’Incontro, pensato in una modalità multicentrica e diffusa per favorire il coinvolgimento delle Comunità diocesane di tutto il mondo, è stato aperto il 22 giugno in Aula Paolo VI con il Festival delle Famiglie, alla presenza di Papa Francesco, che accoglierà circa 2000 Delegati dalle Conferenze Episcopali, dai Sinodi delle Chiese orientali e dalle realtà ecclesiali internazionali – oltre 170 da 120 Paesi – che operano in maniera significativa nell’ambito dell’apostolato familiare.

L’evento, che avrà come titolo “The beauty of the family”, darà voce a testimonianze di famiglie. Anche la scelta di conduttori, di artisti e di coloro che interverranno, intende valorizzare l’esperienza di famiglia cristiana. La conduzione dell’evento è affidata al presentatore televisivo e radiofonico italiano Amadeus con la moglie Giovanna Civitillo. Si esibiranno inoltre i giovani artisti de “ll Volo” che, insieme ad alcuni loro familiari, parteciperanno raccontando la propria esperienza di famiglia e proponendo alcuni brani musicali.

Prima dell’arrivo di Papa Francesco, si ascolteranno alcune testimonianze sull’eredità spirituale e l’attualità della testimonianza dei coniugi Beati Luigi e Maria Beltrame Quattrocchi, beatificati nel 2001 da San Giovanni Paolo II, patroni dell’Incontro Mondiale. Il Festival si concluderà, dopo il Discorso del Santo Padre, con il canto dell’Inno ufficiale dell’Incontro “We Believe in love”, composto da Mons. Marco Frisina e cantato dal Coro della Diocesi di Roma.

Dal 23 al 25 giugno, sempre in Aula Paolo VI, si svolgerà il Congresso pastorale che, a differenza delle edizioni precedenti, non avrà conferenze strutturate con contenuti teologico-dottrinali, ma sarà un momento di incontro, ascolto e confronto tra operatori della pastorale familiare e matrimoniale.

Il Congresso prevede 5 conferenze principali su alcuni temi fondamentali. In tutto saranno 30 gli interventi, per un totale di 62 relatori, con 13 moderatori delle sessioni: questi ultimi saranno tutti romani, “segno e simbolo di una città che ospita e presenta i relatori che vengono dagli altri Paesi”. I relatori saranno quasi tutte coppie di sposi, 3 i sacerdoti, provenienti da 17 Paesi diversi, scelti per competenza ed esperienza pastorale nelle tematiche presentate.

“Tematiche attuali e complesse, che abbiamo voluto affrontare avendo come bussola il costante invito di Papa Francesco al rinnovamento e alla conversione pastorale: il primo passo che tutti dobbiamo ancora compiere, infatti, è rendere le famiglie consapevoli che la loro è una vocazione, che nella loro vita quotidiana possono scoprire vie di santità incredibili, che possono trasformare il proprio ambiente di vita ecclesiale e sociale”, ha sottolineato la Prof.ssa Gabriella Gambino, Sottosegretario del Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita.

Sabato 25, nel pomeriggio, ci sarà la Celebrazione Eucaristica in Piazza San Pietro con il Santo Padre e domenica la partecipazione all’Angelus.

Le famiglie che non saranno presenti a Roma sono invitate a celebrare questo Incontro Mondiale nelle Diocesi e nelle parrocchie. È stato, infatti, messo a disposizione delle Chiese particolari un kit pastorale con orientamenti e suggerimenti per organizzare incontri a livello locale, con i temi che verranno trattati nel corso del Congresso, degli spunti per celebrazioni liturgiche e approfondimenti sui contenuti dell’Incontro.

Il kit pastorale è a disposizione di tutti sul sito web dell’Incontro Mondiale romefamily2022.com, all’interno della sezione “WMOF nelle Diocesi”. Sul sito sono inoltre disponibili tutti i materiali preparatori, in cinque lingue: la preghiera, l’inno e l’immagine ufficiale, le sette catechesi con un testo scritto scaricabile accompagnate da cortometraggi con testimonianze di famiglie romane, utili spunti di riflessione e dibattito.

I momenti principali dell’Incontro saranno trasmessi in diretta streaming, sulle pagine Facebook e Instagram del sito ufficiale dell’evento, sulla pagina YouTube della Diocesi di Roma e, grazie alla collaborazione con il Dicastero per la Comunicazione, su VaticanNews.

Conferenza Stampa

Sito web dell’Incontro Mondiale

Sito web del Dicastero per i Laici, la Famiglia, la Vita

L’intenzione di preghiera promossa dal Video del Papa per il mese di giugno, coincide con la celebrazione dell’Incontro Mondiale. Questo mese, il Santo Padre invita infatti a pregare “per le famiglie cristiane di tutto il mondo, perché con gesti concreti vivano la gratuità dell’amore e la santità nella vita quotidiana”.

Fonte: Istituto FMA

Della stessa categoria puoi leggere ancora...

Free Joomla templates by Ltheme