• XII Morelli di Cento fa festa alla vocazione religiosa di una sua figlia

    Giovedì, 17 Agosto 2017 17:08
  • Invio missionario dei giovani

    Giovedì, 17 Agosto 2017 06:51
  • Una nuova opera nel cuore dell’Etiopia

    Martedì, 15 Agosto 2017 20:05
  • SYM 2017: sui luoghi di Main

    Martedì, 15 Agosto 2017 10:23
  • Tutto ebbe inizio da un sogno

    Martedì, 15 Agosto 2017 10:18

Solennità del CORPUS DOMINI

Parma, 18 giugno 2017 – Oggi, giorno del Signore e festa del Corpo donato e del sangue versato di Gesù… e con Lui di ogni nostro corpo e di ogni vita, ha concluso la sua vita terrena Marcellina Fava, formatrice tutor del Ciofs/Fp ER di Parma. Ha vissuto questi ultimi tempi nella malattia a causa di un tumore al pancreas, scoperto pochi mesi prima del raggiungimento della pensione.

Non è un caso che il dono della vita di Marcellina sia avvenuto in questo giorno liturgico.

La malattia consuma… il nostro corpo si indebolisce, il dolore annienta, ma questo giorno ci ricorda che siamo uniti con tutto noi stessi a quel dono che è per la vita e che ogni giorno ci nutriamo del pane della vita. Non è un caso che la morte di Marcellina sia avvenuta alla fine dell’anno formativo e prima degli scrutini.

Le sue ultime parole sono state per i ragazzi. Ci ha raccontato il marito che ha detto con la forza che aveva di proteggerli, perché vivono situazioni difficili e hanno bisogno di essere protetti. È il segno della sua vita dedicata al bene dei ragazzi. Marcellina voleva il loro bene e loro sentivano e ricambiavano, pur nelle lotte, nelle fatiche. È il segno di ciò che aveva nel cuore e che ha potuto ripetere nel momento in cui si avvicinava all’incontro con il Signore. È una raccomandazione che lei fa a noi tutti che ci sentiamo educatori: proteggerli significa prevedere ciò che può ostacolarli nel cammino e creare le condizioni per una vita buona… proteggerli significa prevenire, come diceva Don Bosco, facendo leva sul bene possibile che sa vincere il male.

Per noi significa fare il nostro lavoro con competenza, significa esserci, anche nelle loro fatiche e fare la fatica di esserci insieme, di cercare insieme, come educatori.

Oggi è un giorno di lutto per il CIOFS/Fp ER, ma è anche il giorno del ricordo riconoscente e pieno di affetto per Marcellina, nostra collega e tutor.

Grazie per la sua vita Signore!

Grazie per la sua dedizione ai ragazzi!

Grazie per la sua amicizia!

Grazie per la sua testimonianza di fede anche nella malattia.

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna